Alberto Maso Gilli, un artista chierese.

Autoritratto
Autoritratto

Nel 1860, con il dipinto La vendetta del conte di Monforte (ubicazione ignota) prese parte per la prima volta alle esposizioni della Società promotrice belle arti di Torino dove, tre anni dopo, presentò Michelangiolo nella cappella Sistina. Quest’opera, della quale si sono perse le tracce, testimonia il particolare interesse dell’artista verso Buonarroti, del quale diede conto anche Stella riferendolo, in particolare, a non meglio documentate sculture (connotate da “gagliardia michelangiolesca”) e a una parte dei disegni del Gilli.

IMG_150220-20CopiaNel 1865 il G. partecipò con i dipinti S. Giorgio e Margherita al confessionale (ubicazione ignota) alla Promotrice di Torino dove, quattro anni dopo, presentò il quadro di ambientazione cinquecentesca Una visita schernita (Torino, Galleria civica d’arte moderna).

La Visita fu riprodotta sull’Album della mostra, accompagnata da un approfondito articolo di critica di G. Camerana, già apparso – sempre nel 1869 – sulla rivista L’Arte in Italia, dove si sottolineavano le capacità del G. di coniugare la sua passione verso i primitivi tedeschi con le istanze della realtà moderna, ma anche si evidenziavano i limiti dell’artista nell’uso del colore, la mancanza di equilibrio e di naturalezza (“manca la quiete, manca l’impressione del vero”).

Come pittore il G. è tuttavia noto principalmente per il dipinto Arnaldo da Brescia dopo il diverbio con papa Adriano IV (Torino, Galleria civica d’arte moderna), presentato nel 1872 sia alla Promotrice di Torino sia all’Esposizione nazionale di Milano.

gilliIl quadro è ispirato alla tragedia di G.B. Niccolini Arnaldo da Brescia, pubblicata nel 1843, ed è incentrato sulla figura del frate eretico nel momento in cui rifiuta di inginocchiarsi davanti ad Adriano IV in segno di sottomissione. Gli evidenti riferimenti alla realtà politica contemporanea del soggetto vennero condivisi da una parte della critica coeva che vide nell’Arnaldo da Brescia dipinto dal G. un “Mazzini del duodecimo secolo” (F. Dall’Ongaro, in Pinto). L’opera, tuttavia, ricevette, particolarmente a Milano, giudizi negativi o perplessi per quanto riguardava una certa rigidità della figura di Arnaldo e la disarmonia della composizione, mitigati però dal riconoscimento della capacità dell’artista di ritrarre i due personaggi storici con espressioni “abbastanza vere e parlanti” (ibid.).

Oltre all’Arnaldo da Brescia, all’Esposizione di Milano del 1872 il G. presentò anche il dipinto Lavater, dove raffigurò lo studioso di fisiognomica J.K. Lavater al lavoro. L’opera gli valse nel 1879 il conferimento della cattedra di pittura presso l’Accademia di Tokyo, incarico che il G. rifiutò (De Grada).

Tra la fine degli anni Sessanta e gli inizi del decennio successivo il G. collaborò come acquafortista a L’Arte in Italia (I [1869]. Sulla rivista il G. pubblicò, tra gli altri, i ritratti di V. VelaA. Antonelli e C. Arienti; riproduzioni di dipinti di quest’ultimo, di G. Boschetti e di V. Marinelli; l’incisione del proprio dipinto Finis coronat opus.

Nel 1873 il G. lasciò l’incarico di assistente all’Accademia Albertina e si recò in Francia per collaborare con il giornale parigino L’Art. A Parigi iniziò anche un proficuo rapporto con la Maison Goupil durato circa dieci anni. Nel 1878 si confermò incisore di livello internazionale vincendo il primo premio all’Esposizione universale che si tenne quell’anno nella capitale francese. Da questo momento il G. abbandonò momentaneamente l’acquaforte originale proponendosi piuttosto come “illustratore riproduzionista” (Giubbini) e aprendo così la strada, in Piemonte, a incisori quali C. Turletti. Questo tipo di attività mise il G. a confronto con opere di pittori come F. Carcano e P. Morgari.

Nel 1881 il G. accettò la nomina di professore di disegno all’Accademia Albertina. Tornato a Torino, tra il 1883 e il 1886 venne incaricato dal Municipio di sovrintendere alle scuole di disegno della città e di presiedere alla conservazione del castello medioevale. In questo periodo il G. manifestò anche un profondo interesse per le arti decorative e industriali partecipando al clima di revival medievalistico esemplificato a Torino nella costruzione del Borgo e della Rocca medioevale del Valentino per l’Esposizione nazionale del 1884. In questo contesto Alfredo D’Andrade gli affidò il compito di effettuare una ricognizione sul patrimonio artistico medievale del Piemonte, insieme con il pittore Federico Pastoris, e di disegnare l’arredo del castello medioevale. Il G. collaborò inoltre con V. Avondo al completamento e al restauro del mobilio del castello di Issogne.

Nel 1885 il G. si trasferì a Roma per assumere la direzione della Reale Calcografia.

Sotto la sua direzione fu istituito un nuovo settore di attività della Calcografia – dedicato alla fotoincisione – e venne creata una scuola di incisione con la duplice finalità, come sottolinea M. Miraglia, di salvaguardare “le capacità disegnative di un tempo” e di portare l’attività della Calcografia anche verso un lavoro di “invenzione” e non unicamente di “traduzione”, recuperando così un’autonomia espressiva del linguaggio grafico.

Il G. morì a Calvi dell’Umbria il 24 sett. 1894.

Presso la Galleria nazionale d’arte moderna di Roma è custodita un’interessante raccolta di undici incisioni all’acquaforte realizzate dal G. nei vari periodi della sua attività, oltre a un suo dipinto a olio (Paesaggio valsesiano) e a due disegni a china (Una visita schernita e Rembrandt). Alla Galleria civica d’arte moderna di Torino sono conservati, tra l’altro, i ritratti a olio su tavola di Carlo Emanuele III e del Principe Tommaso di Savoia Carignano(1873). Parte dei principî d’insegnamento del G. furono raccolti in un’opera intitolata La prospettiva dei piani inclinati e dei corpi liberi nello spazio edita a Chieri nel 1881.

Nella tarda estate del 2017 una cordata di benefattori chieresi (Le associazioni Avezzana, Carreum Potentia, La Compagnia della Chiocciola, il Rotary Club di Chieri e un buon manipolo di privati cittadini) ha acquistato, da una galleria di Roma, quattro dipinti di Alberto Maso Gilli. Si riportano così a Chieri opere che raffigurano la città alla metà del XIX secolo. Al di là del valore artistico, le opere rappresentano pertanto, un valore storico di cui la comunità chierese può disporre. Le opere sono attualmente esposte nella StArt Gallery, insieme ad altre che ricordano l’artista.

Le opere di Alberto Maso Gilli contenute nella StArt Gallery: (scorcio di Chieri, Porta Torino, Duomo, San Giorgio)

Le opere dell’Autore contenute nelle chiese (lista esistente)

opere di Alberto Maso Gilli sparse per Chieri:

Duomo
Duomo
Scorcio di Chieri
Scorcio di Chieri
Porta Torino
Porta Torino
Duomo
Duomo
San Giorgio
San Giorgio
Chiesa di San Giorgio Sacro cuore
Chiesa di San Giorgio Sacro cuore
Chiesa dell'Annunziata Miracolo del muto
Chiesa dell’Annunziata Miracolo del muto
Chiesa dell'Annunziata Miracolo del militare ossesso
Chiesa dell’Annunziata Miracolo del militare ossesso
San Girolamo Emiliani raccomanda al cielo un orfana e una suora educatrice
San Girolamo Emiliani raccomanda al cielo un orfana e una suora educatrice

Iscrizione al corso Carreum Potentia

Chieri da conoscere

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Iscriviti qui sotto

Compila il form qui sotto per iscriverti al corso