Firenze Uffizi: Una gita fuori porta.


 A Firenze nel celebre museo degli Uffizi poche sale dopo la Primavera del Botticelli e vicino alla cosiddetta “tribuna” troviamo un pezzo di Chieri. Si tratta di una pala da Altare raffigurante una natività datata 1510- 1520. L’ opera rappresenta un adorazione del bambino con ambientazione di rovine antiche. Di autore ignoto, era collocata nella Chiesa di Sant’ Agostino sotto il patronato della famiglia Bertone. Non si sa niente sull’ autore del dipinto un maestro formatosi sotto l’ influenza della pittura tedesca e fiamminga.

La chiesa di Sant’Agostino di Chieri venne demolita tra il 1802 e il 1809 e le opere che la ornavano vennero disperse, messe all’asta o redistribuite tra le chiese della zona.

Dopo la demolizione della Chiesa la pala venne portata a Torino e inclusa nella collezione Rubinacci. Durante la seconda guerra mondiale fu requisita dai Nazisti e esportata in Germania, nel 1954 fece ritorno in Italia e venne collocata nel Museo Siviero a Firenze (ne parla anche il libro della Di Macco e di Romano sul Quattrocento chierese*) nel 1988 fu assegnata alla Galleria degli Uffizi. 

Questo prestigioso pezzo si colloca nell’ambito delle numerose opere di provenienza chierese, ormai disperse (ma al sicuro) in alcuni musei europei.

 

*Michela di Macco e Giovanni Romano “Arte del quattrocento a Chieri” ed.Umberto Allemanni & c. pag. 64-65-66.