Itinerario con un gruppo di visitatori della Biblioteca Don Alberione


Duomo

Fare un passo indietro nella Storia e conoscere cos’è stata Chieri, non può non stimolare il desiderio di conoscerla direttamente. E’ cioè, un invito a voler vedere con i propri occhi la Chiocciola e le ancora ben visibili tracce medievali presenti nei palazzi e nelle case Tre-Quattrocentesche, a visitare i luoghi di culto per conoscerne le curiosità, le opere artistiche ed architettoniche, ed infine, è un incentivo ad entrare nel luogo dove è contenuta la storia del tessile, l’attività economica e sociale che così profondamente ha caratterizzato la Città.

E’ ciò che è avvenuto lo scorso 9 aprile ad un gruppo di frequentatori della Biblioteca don Alberione di Torino, che hanno deciso di trascorrere un’intera giornata a Chieri per vedere con i propri occhi le bellezze che erano state raccontate loro da Lino Santoro, durante un incontro avvenuto alla fine del gennaio scorso. A loro giudizio, è stata una giornata trascorsa tra la Storia e la bellezza, immersa nell’arte e nella cultura. Una giornata che deve aver lasciato un buon ricordo, al punto che la promessa fatta dal gruppo “Don Alberione” ai volontari che li  hanno accompagnati, è stata di voler tornare, ed anche in numero maggiore dei quattordici presenti in quell’occasione.