Il soffitto ligneo di  Giovanardo Bertone


A metà dello scorso marzo è stato presentato il libro curato da Simone Bocchio Vega, Giovanni Donato e Luisa Clotilde Gentile: Quando i cavalli avevano le mani. Il libro è il risultato delle ricerche condotte sul soffitto ligneo di una vecchia abitazione dell’aristocrazia chierese quattrocentesca, situata tra la vecchia via Maestra e la rocca di San Giorgio. È la casa dei Bertone, situata nella contrada dei Balbo, ed è Giovanardo Bertone, consigliere del duca di Savoia, che nella veste di committente, fa realizzare nella seconda parte del Quattrocento dalle maestranze chieresi dei Fantini, uno dei più spettacolari e narranti soffitti decorati del Piemonte. È un universo di immagini che narrano la storia dinastica della famiglia, ma non solo: si mescolano all’iconografia delle relazioni familiari anche soggetti che riconducono alla sensibilità delle coscienze di quel tempo; appare un ‘sentire’ intrigato dal concetto del male contrapposto al bene; si avverte la percezione del «mostruoso e quindi diabolico». Prendono in questo modo forma le tavolette che rappresentano animali grotteschi con sembianze umane, naviganti orientali che seguono una cometa, figure a due facce, il muso del diavolo, e anche un cavallo con le zampe anteriori a forma di mano umana.

(Le immagini qui presenti sono state gentilmente concesse da “Il Corriere di Chieri”).

La casa dove è presente il soffitto ligneo è ora di proprietà della famiglia Ceppi, ed è situata in via Visca, 4. È la signora Silvia Ceppi che con vivo entusiasmo ha accettato di pubblicare il libro e, soprattutto, ha aperto le porte ai visitatori affinché possano fare un «interessante viaggio nella storia della nostra antica e bella città che ancora oggi, dopo molti secoli, non finisce di sorprenderci».

Grazie alla Signora Ceppi è possibile così visitare il soffitto ligneo di Giovanardo Bertone. Saranno i volontari di Carreum Potentia ad accompagnare su richiesta i visitatori. È sufficiente scrivere alla seguente casella di posta con un congruo anticipo: gruppievisite@carreumpotentia.it,  fornire le proprie indicazioni riportanti il numero delle persone, il giorno di visita desiderato, tenendo in conto che il locale è un negozio di oreficeria aperto nelle ore consuete al pubblico. È anche possibile telefonare al 388 3562572 per accordarsi per la visita.

Va però tenuto presente che Carreum Potentia è un Organizzazione di volontariato culturale che si avvale di volontari, i quali prestano servizio gratuitamente ma secondo le loro disponibilità. Per questa ragione è consigliabile contattare l’ODV con un congruo margine di anticipo per dar modo di organizzare adeguatamente le visite.