La romanizzazione in Piemonte.


Carreum Potentia

 

nella città e nell’agro di Carreum, le informazioni si fecero più fitte. Studiosi come Settia, Cresci Marrone e Gramaglia diedero un’impronta più scientifica agli studi sul tema ed infine l’intervento costante della Soprintendenza Archeologica fu decisivo in tal senso.

A fronte degli studi fino ad ora condotti sulla città di Carreum, il presente contributo presenterà la documentazione nota per questo centro, inserendola nel quadro della romanizzazione dell’area e mettendola in relazione agli altri centri del Piemonte romano. L’inserimento della città nel più ampio quadro della romanizzazione della regione permetterà infatti di confrontare i tempi e le modalità con cui i romani penetrarono nel territorio chierese e nelle altre città della Cisalpina nord-occidentale, mettendo in evidenza le peculiarità del centro chierese rispetto ai centri vicini.Centri Piemonte romano

Maierà L., La romanizzazione in Piemonte. Il centro di Carreum Potentia, Tesi di Laurea del Corso di Laurea in Beni Culturali. Archeologia, Storia dell’Arte, Archivistica e Biblioteconomia, Università degli Studi di Torino, A.A. 2014-2015.