Ritratto di Chieri: Alberto Maso Gilli e la sua città (1840 -1894).


Sabato pomeriggio nella cappella del complesso di San Filippo è stata presentata al pubblico la mostra dedicata all’artista chierese. L’occasione era la presentazione alla Città delle quattro opere acquistate dalle associazioni Avezzana, Carreum Potentia, La Compagnia

IMG_1013della Chiocciola, il Rotary Club di Chieri e da un buon manipolo di privati cittadini. La

mostra, il cui centro d’attenzione erano le quattro opere provenienti da una galleria di Roma,

si è arricchita di incisioni, di alcune tele che dimorano d’abitudine in Comune e di alcune

altre opere che sono state prestate per l’occasione. Una sorpresa è stata la fornitura di una

copia fotografica di un dipinto attribuito all’artista, raffigurante un ritratto del sindaco Collo

che aveva governato la città negli ultimi decenni dell’Ottocento. Sorpresa ancor più grande è

stata la donazione alla città di Chieri da parte della famiglia del sindaco citato, di un ritratto

raffigurante la sorella del Collo in questione. L’ovale, ricavato da un olio di dimensioni più

grandi, pur non essendo firmato dall’artista, è però con alta probabilità a lui attribuibile.

La mostra è stata visitata da un buon numero di persone, una parte delle quali ha anche

percorso, nel pomeriggio di domenica 24, le vie della Città per indiIMG_1011viduare le tracce di A. M.

Gilli ancora presenti nei luoghi che le custodiscono. I volontari di Carreum hanno

accompagnato i visitatori al santuario della SS Annunziata, dove è custodito

Il miracolo del Mutolo e dove è presente La guarigione del soldato ossesso, un piccolo olio su tela che, seppure non sia attribuito ufficialmente all’artista, tutto fa pensare che A.M. Gilli ne abbia piena paternità. Il percorso è proceduto in direzione della chiesa delle Orfane, dove si trova la tela che raffigura San Girolamo Emiliani che raccomanda al cielo un’orfana ed è poi proseguito in direzione della chiesa di San Giorgio per ammirare la pala d’altare che raffigura il Sacro Cuore di Gesù.

La mostra sarà ancora visibile sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre, dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 15 alle 18.

Ecco l’invito per vedere la Mostra clicca qui⇒Totem