San Giorgio! Un settimanale chierese ottocentesco (1886/1888)


Tra i tanti periodici che documentarono e documentano la storia di Chieri, trovò posto anche il “San Giorgio!” (settimanale del fine 1800) i cui fondatori avevano lo scopo di «diffondere educazione e cultura tra i cittadini chieresi».

Stampato per la prima volta il 7 febbraio 1886, il “San Giorgio!” cessò di esistere pochi anni dopo, il 1 luglio 1888; per quale motivo un giornale dalle così nobili intenzioni ebbe vita tanto breve?

Così come riporta il giornale stesso nella sua ultima uscita, esso fu privato della sua funzione principale: informare i lettori della vita politica e sociale della città. Forse accadde perché le magistrature cittadine si trovarono nella difficoltà di mantenere la parola data, oppure perché avevano l’esigenza di mantenere riserbo sui propri fini, fatto sta che venne impedito ai giornalisti di riportare il resoconto dei consigli comunali.

Sin da quando nacque nel 1454, la stampa dovette far fronte al fenomeno della censura. Probabilmente il proverbio latino scripta manent, verba volant spaventa parecchi individui, che scoprono troppo tardi il peso e l’ingombro delle proprie parole.

Non è un problema solo attuale; la componente politica – in questo caso particolare – ha spesso riscontrato delle “grane” a causa di promesse da sostenere o dichiarazioni da aggiustare.

Imporsi sulla censura, non permettere l’intralcio del controllo e pubblicare la cruda verità è il duro compito di un giornalista e di un giornale, al fine di rendere il mondo un luogo democratico e sicuro; senza questo requisito, come fece notare a quel tempo il direttore del “San Giorgio!”, non ha senso che essi perseguano nel loro intento.

 

Fonte: Biblioteca Civica di Chieri, sezione di Storia Civica Locale

Per Carreum Potentia:

Cecilia Zannotti, classe III, liceo scientifico A.Monti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cecilia Zannotti, classe III, liceo scientifico A.Monti