CRONACA DI UN TEMPO PASSATO

 

Negli Ordinati del Comune di Chieri[1], nella pagina-documento datata 14 marzo 1615 è presente la seguente delibera:

Nel Vicariato del Sig. Monforte Barata, Conte di Restagno e di Cervere.

«Il Comune in bisogno di aver dennaro (sic.) prende molte gioie da diversi particolari ivi annotati per ricavarne il prodotto delle mede[si]me e impiegarlo a dilei (sic.) vantaggio pubblico».

Le “molte gioie” raccolte dal Comune per “vantaggio pubblico” dovettero essere le risorse che il governo della città considerò necessarie a sostenere le truppe del conte Carlo Emanuele I di Savoia, impegnate fin dal 1614 ad Asti nello scontro con il governatore spagnolo di Milano, marchese don Giovanni Mendosa di Hinoysa.

Chieri era infatti un protettorato della casa di Savoia e nella circostanza della 1ª Guerra del Monferrato, scoppiata nell’anno precedente in seguito alla pretesa dei Savoia di succedere al Marchesato del Monferrato – fino ad allora nel diritto del Ducato di Mantova – la città si trovava nel dovere di sostenere lo sforzo bellico del Conte provvedendo con i suoi mezzi.

Le risorse monetarie sembrano così essere state ricavate dalla raccolta di “molte gioie” presso un numero, peraltro non rilevabile, di cittadini.

Per Carreum Potentia

Dario Franceschi

 

[1] Ordinati del Comune di Chieri – Vol. 2, dal 1600 al 1800.

Iscrizione al corso Carreum Potentia

Chieri da conoscere

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Iscriviti qui sotto

Compila il form qui sotto per iscriverti al corso